Salta al contenuto

Edoardo Sanguineti 2010-2020

Una balattetta d’amore, ma non sentimentale (anzi, piuttosto, averroistica) per il decennale della sua (non) morte. Una riflessione più poetica che critica (e più prosaica che poetica).

Per ricordare la lezione dissidente di un Maestro irriverente. Per ricordare la felicità disperante dei suoi versi. E per dimenticare la poesia in posa dei nostri tempi, il suo respiro corto e pesante. Qui, nel mezzo di un maggio astrusamente caldo e asfissiante, nello scritto Sanguineti e il buco buio del suo silenzio.

 

.

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *